Igiene della bocca: Olio di cocco per le gengive

coconut oilLa tecnica del “pulling” con l’olio di cocco

L’olio di cocco è un alimento di base molto conosciuto e ampiamente usato in molto paesi tropicali e altrettanto sperimentato in campo cosmetico. Si tratta di un olio unico, con caratteristiche non paragonabili ad altri olii edibili. Il grasso predominante nel cocco appartiene alla categoria dei cosiddetti “acidi grassi a catena media” (in sostanza, di più facile assorbimento), mentre nella maggior parte degli altri olii, gli elementi di base sono quasi interamente acidi grassi a catena lunga.

L’olio di cocco contiene inoltre il 92% di acidi saturi, circa il 50% dei quali è costituito da acido laurico, conosciuto per le sue per le sue proprietà antinfiammatorie e i suoi effetti antimicrobici. Ciò che funziona in relazione all’igiene e alla cura della bocca sono proprio questi effetti antibatterici e aninfiammatori.

Nel 2015 è stato condotto uno studio  che ha coinvolto un campione 60 persone (non è dato conoscere la percentuale di uomini e donne) tra i 16 e i 18 anni, tutte affette da gengivite causata da eccesso di tartaro. Ai partecipantiè stato chiesto di effettuare un test di 30 giorni a seguito di precise istruzioni: avrebbero dovuto effettuare quotidianamente, dopo aver lavato i denti, un particolare risciacquo con olio di cocco, definito “pulling” (dall’inglese “traino”), tenendone in bocca una determinata quantità fino a che non fosse diventato acquoso e biancastro. Dopo di che, lo avrebbero sputato senza deglutire.

Trascorsi i 30 giorni, i ricercatori hanno constatato una diminuzione pari al 56,1% di problemi alle gengive e al 60,3% di tartaro. La spiegazione fornita su come l’olio di cocco possa produrre un risultato simile sta nel fatto che il continuo far ruotare l’olio in bocca ne provoca l’emulsione. In questo modo, aumenta la superficie stessa dell’olio, così che una sorta di pellicola si stabilizza sulla superficie dei denti, riducendo l’adesione della placca e la crescita di batteri.

oil pullingSi è potuto dunque concludere che “l’olio di cocco è uno strumento facilmente utilizzabile, sicuro ed economico con effetti collaterali di minima entità, che può essere usato come coadiuvante nel mantenimento dell’igiene orale”.

 

Fonte: dr. Greg Arnold  www.PitchingDoc.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *